Salta al contenuto
Rss





Il Comune di Bard, situato a 47 Km da Aosta e a 22 Km da Ivrea, a 400 m s.l.m., ha una superficie di poco più di 3 Kmq. I suoi abitanti sono circa 130. Il suo nucleo principale è posto in una stretta gola tra lo sperone roccioso su cui sorge il Forte e la montagna incombente, mentre l'abitato Jacquemet occupa la parte inferiore del Borgo fino ad allinearsi lungo la Statale n. 26, costeggiante la sponda sinistra della Dora Baltea. Occorre invece inerpicarsi per una ripida mulattiera per raggiungere l'abitato di Nissert; altre due frazioni, la Crous e Albard, sono accessibili per carrozzabile da Donnas; ai confini con quest'ultimo comune si trova la località San Giovanni.

La storia di Bard appare strettamente intrecciata con quella del suo Forte a cui si accede dalla sommità del paese per una salita tortuosa. Esso venne costruito dai Signori di Bard nella prima metà del secolo XI, soprattutto per esigere diritti di pedaggio in un luogo dove già Salassi e Romani ebbero fortificazioni(1).
Nel 1242 la ribellione di Ugo di Bard decretò la suddivisione della Signoria in due parti; una, tra cui Bard e il suo Forte, fu inglobata nei domini diretti dei Savoia e l'altra restò in mano ai Signori di Pont-Saint-Martin, eredi diretti dei Bard.
A partire da questa data il territorio di Bard venne affidato a successivi castellani, rappresentanti del potere dei Conti di Savoia.

Così il De Tillier ci descrive Bard nel secolo XVIII(2): "Quoique situé dans une foudrière de montagne et cul de sac parmi d'afreux rochers, il avait autrefois quantité de noblesse, un hospital d'ancienne fondation et d'assez belles maisons, les quelles tombent à présent la plus part en ruine" e, qualche riga più avanti "le bourg n'est presque plus habité que par les officiers, soldats ou vivandiers de la guarnison".

Alcuni documenti dell'Archivio comunale ci presentano nomi di procureurs e sindics dei secoli XVII e XVIII; del 1762 è il primo Livre des délibérations de la communauté de Bard, ma è solo dalla metà del XIX secolo che le informazioni sulla vita comunitaria si fanno più continuative.
Con Regio Decreto del 20 maggio 1928, n. 1204, al comune di Bard venne aggregato il comune di Hône, situato sulla sponda destra della Dora Baltea; si formò la nuova entità comunale di Hône-Bard, s'intrapresero lavori di bonifica, come il prosciugamento della regione acquitrinosa della Crous e l'arginatura della sponda destra della Dora Baltea.
Per decreto del Presidente del Consiglio della Valle d'Aosta del 30 marzo 1946, n. 1043/1, venne ricostituito il comune di Hône.

In questi ultimi anni la Regione Autonoma Valle d'Aosta ha acquisito dal Genio militare il Forte e ha predisposto un piano di recupero e di valorizzazione dell'intero paese.


Note

1. Le testimonianze risalenti alla conquista romana sono però riferibili solo al tracciato della Strada romana delle Gallie (cfr. fald. 178/5) rappresentante l'unica via di collegamento tra la Valle d'Aosta e il resto dell'Italia prima del 1862, quando venne costruita la circonvallazione stradale ai piedi del Forte, lungo la Dora Baltea.
2. Cfr. J.B. De Tillier "Historique de la Vallée d'Aoste" a cura di A. Zanotto, Aosta 1966 pag. 175.
3. Cfr. fald. 178/4, dove ho inserito la fotocopia della relazione, consegnatami dal Dott. Diego Robotti della Sovraintendenza archivistica per il Piemonte e la Valle d'Aosta.





Inizio Pagina Comune di BARD (AO) - Sito Ufficiale
Piazza Cavour, 4 - 11020 BARD (AO) - Italy
Tel. (+39)0125.803134 - Fax (+39)0125.803603
Codice Fiscale: 00093700078 - Partita IVA: 00093700078
EMail: info@comune.bard.ao.it
Posta Elettronica Certificata: protocollo@pec.comune.bard.ao.it
Web: http://www.comune.bard.ao.it


|